Loading...

SYNGASMART CHP technology

/SYNGASMART CHP technology
SYNGASMART CHP technology 2017-11-06T16:07:28+00:00

Cos’è SYNGASMART®

SYNGASMART® è la linea di impianti di cogenerazione made in Italy, sviluppata e brevettata da RESET, per la produzione combinata di energia elettrica e termica da biomasse legnose (fonti rinnovabili). Sono impianti termoelettrici basati sul processo di pirogassificazione delle biomasse, che consiste nella trasformazione di un combustibile solido (ad esempio cippato di legno) in un gas di sintesi, detto syngas, composto in prevalenza da idrogeno (H2), monossido di carbonio (CO), metano (CH4), anidride carbonica (CO2), vapore acqueo (H2O), azoto (N2). Questo gas, una volta raffreddato e filtrato, viene utilizzato in normali motori a combustione interna che trasformano l’energia chimica in esso contenuto in energia meccanica (a sua volta convertita in energia elettrica) e termica.

Gli impianti SYNGASMART® sono:

Come funziona SYNGASMART®

Una vasca di carico termoventilata provvede allo stoccaggio ed all’asciugatura di circa 10 m3 di biomassa, sufficiente ad alimentare l’impianto mediamente per 25/50 ore (a seconda della potenza e della tipologia di biomassa introdotta). Attraverso un sistema di asciugatura ad aria forzata, che utilizza una parte del calore generato nel vano motori, l’impianto provvede a ridurre l’umidità della biomassa ad un livello adeguato al processo di gassificazione, permettendo così, ad impianto avviato, l’introduzione di cippato o bricchetti con un contenuto di umidità più elevato (fino al 35%) rispetto a quello ottimale per la gassificazione, pari al 10/12%.

Il cuore del gasogeno degli impianti SYNGASMART® è costituito dai reattori di pirogassificazione SBR30, che rappresentano il risultato di un intenso lavoro di ricerca e sviluppo intrapreso da RESET nel corso degli ultimi anni. Sono reattori downdraft a letto fisso, caratterizzati da geometrie e processi ottimizzati per ridurre al minimo la produzione di condensati e TAR (catrame). Le sezioni che compongono ciascun reattore sono:

  • sezione di carico a tenuta: tramoggia + rotovalvola;
  • reattore di gassificazione caratterizzato da zona di asciugatura, pirolisi, combustione, riduzione e cracking;
  • cicloni di depolverizzazione;
  • sezione di estrazione automatica biochar.

Un singolo reattore SBR30 genera una quantità di syngas sufficiente a produrre circa 35 kWe: per questa ragione gli impianti SYNGASMART® sono equipaggiati con 2 o 3 reattori, a seconda della potenza, il che consente anche di poter effettuare operazioni di manutenzione su di una linea, mentre l’altra è ancora in esercizio.

Il syngas generato attraversa prima dei cicloni all’interno dei quali vengono depositate le polveri e le impurità presenti nel flusso gassoso, poi le camicie del reattore, a cui cede calore stabilizzandone le temperature.

Il biochar, ovvero il carbone vegetale risultante dal processo di gassificazione, viene estratto dal reattore attraverso un sistema automatico di coclee, per successivo stoccaggio ed utilizzo a seconda del caso specifico; esso contiene ancora un determinato contenuto energetico, oltre alle note proprietà di fertilizzante ed ammendante agricolo.

Il syngas in uscita dai cicloni è caratterizzato da elevate temperature (circa 300°C) e da impurità: è necessario pertanto che venga raffreddato e filtrato prima di poter essere utilizzato. Per questo motivo negli impianti SYNGASMART® a ciascuna linea di generazione del syngas viene accoppiato un sistema di filtraggio bistadio costituito da:

  • unità di condensazione e raffreddamento (scambiatore aria/acqua) con recupero termico, condensazione dei vapori e raccolta dei condensati;
  • doppio filtro meccanico ‘packed bed’ a biomassa riciclabile: questi filtri sono in grado di trattenere sulla superficie del mezzo filtrante (scaglie di legno) il tar residuo ancora presente nel flusso di gas ed assorbirlo; una volta che il filtro è saturo, la biomassa impregnata di condensati viene reimmessa nella vasca di carico, quindi nel ciclo produttivo, per esser gassificata e generare ulteriore syngas. Il ciclo è definito ‘no waste’ in quanto non vengono generati rifiuti inquinanti da dover smaltire, quali acqua contaminata da idrocarburi o altre tipologie di filtri meccanici.

Negli impianti SYNGASMART® la produzione di energia viene realizzata attraverso motori endotermici (benzina o diesel trasformati a gas), alimentati dal syngas prodotto dall’unità di gassificazione, accoppiati a generatori trifase sincroni (genset). Motori ed alternatori utilizzati sono standard di mercato quali GM, Iveco, Marelli, Sincro, il che consente maggior facilità nel reperire le parti di ricambio. Il genset è pertanto responsabile sia della produzione elettrica che di quella termica. Gli impianti SYNGASMART® sono equipaggiati con un doppio genset (motore + alternatore); le principali ragioni alla base di questa scelta sono:

  • il basso potere calorifico del syngas ottenuto dalla gassificazione delle biomasse legnose, che comporta quindi la necessità di utilizzare maggiori volumi di gas rispetto a gas fossili quali metano o GPL;
  • i costi di manutenzione inferiori rispetto a quelli di un unico motore più grande;
  • la possibilità di utilizzare l’impianto anche al 50% a fronte di un diminuito fabbisogno energetico, oppure durante le operazioni di manutenzione ordinaria su una delle due linee.

Negli impianti SYNGASMART® il calore viene recuperato da tutte le sorgenti ove esso viene generato, sia per gli autoconsumi dell’impianto (es. asciugatura biomassa), sia per l’utenza finale: dal calore del syngas che viene ceduto alla camicia del reattore di gassificazione, al calore di irraggiamento delle varie componenti (reattori, scambiatori, motori), fino al liquido di raffreddamento dei motori ed ai gas di scarico, attraverso specifici scambiatori acqua-acqua e fumi-acqua. Tutta l’energia termica viene così recuperata e portata alle flange per esser fornita all’utenza sotto forma di acqua calda o vapore.

È inoltre possibile convertire il calore prodotto dall’impianto in energia frigorifera per raffrescamento ambienti, attraverso una macchina frigorifera ad assorbimento; questo upgrade permette di trasformare il cogeneratore in un impianto di TRIGENERAZIONE.

Gli impianti SYNGASMART® sono gestiti, sia localmente che in remoto, attraverso un software specifico basato sulle architetture del quadro elettrico di automazione del campo e di gestione dell’impianto. Ogni parametro viene misurato, controllato e storicizzato: dal caricamento della biomassa, alle temperature e pressioni del reattore di gassificazione con telegestione delle regolazioni e degli alert, ai sistemi di estrazione del biochar, temperature e pressione dell’unità di filtrazione, regolazione soffiante, gestione e regolazione della miscela aria/syngas, regolazione giri motore, controllo del parallelo rete, circuito di recupero termico motori / fumi di scarico, monitoraggio e storicizzazione dei dati di funzionamento dell’impianto, interfaccia utente (SCADA), telemetria.

O&M training

RESET offre ai propri clienti un servizio di assistenza e manutenzione all inclusive denominato ReCare: attraverso il proprio team di tecnici specializzati, l’azienda fornisce gratuitamente tutta l’assistenza necessaria fino al collaudo ed all’avviamento dell’impianto per poi lasciare al cliente la possibilità di acquistare anche il servizio ReCare, o in alternativa il programma di training rivolto al tecnico che si occuperà dell’operatività dell’impianto.

I costi di manutenzione sono inseriti nel business plan proposto da RESET al cliente, che tiene conto di tutte le variabili specifiche di ciascuna installazione.

Versioni SYNGASMART®

SYNGASMART30
SYNGASMART49
SYNGASMART50
SYNGASMART60
SYNGASMART100
SYNGASMART120

Versioni SYNGASMART®

Progettiamo e realizziamo prodotti su misura per le tue esigenze, contattaci ti invieremo il materiale informativo dei nostri prodotti.

I nostri impianti sviluppano 30 kW,  49 kW, 50 kW, 60 kW, 100 kW, 120 kW.

Contattaci
SYNGASMART

CUSTOM INSTALLATIONS

RESET, oltre a realizzare gli impianti SYNGASMART®, sviluppa implementazioni tecnologiche per contesti caratterizzati da esigenze specifiche, che vanno dal trattamento dei fanghi di depurazione (asciugatura e utilizzo degli stessi come combustibile per la gassificazione) all’utilizzo di scarti di lavorazione del legname e di materiali non vergini, quali MDF e truciolati.

Parallelamente sono in corso attività di progettazione di impianti in grado di utilizzare, attraverso il processo di gassificazione, carbone e combustibile da rifiuti (CSS).

PERSONALIZZA IL TUO IMPIANTO

INSTALLAZIONI

SCOPRI DI PIU’ SU SYMGASMART! VAIL SUL SITO SYNGASMART.COM